Didattica digitale e a distanza

SCUOLA SECONDARIA

Educare a distanza alla sostenibilità attraverso il cibo

Tra i contenuti presenti all’interno del progetto educativo “Noi, il cibo, il nostro Pianeta” ce ne sono alcuni che si adattano particolarmente bene per essere affrontati anche a distanza:

Esempio di procedura

Il docente seleziona il tema che vuole affrontare e chiede ai ragazzi di visionare la videolezione corrispondente utilizzando il canale comunicativo che preferisce (la lezione è disponibile anche su YouTube. Canale BarillaCFN, Playlist “Programma Educativo”: PER COLLEGARSI AL CANALE YOUTUBE CLICCHI QUI), utilizzando il canale comunicativo che preferisce. L’obiettivo è aiutarli a sviluppare competenze legate al pensiero critico e come esercizio si consiglia di chiedere ai ragazzi di:

  • pensare ad almeno una domanda sui contenuti del video (per esempio, segnando le cose che non sono state capite);
  • scrivere la loro opinione sul tema della videolezione;
  • trovare un’informazione (e.g., una news sul giornale o un’informazione riguardante una realtà proveniente dal territorio circostante) o un’esperienza legati al tema della videolezione.

I ragazzi inviano al docente quanto hanno trovato. La scelta dello storytelling è affidata al docente. I ragazzi possono, per esempio, inviare semplici file di word oppure, ipertesti, immagini, video o altre soluzioni creative (come interviste immaginarie, video reportage) che rendano il lavoro a casa più divertente e stimolante.

Se il docente sceglie una didattica a distanza sincrona, una volta condivisi i risultati della fase di ricerca i ragazzi ed il docente si incontrano online.
Il docente aiuta i ragazzi a rispondere alle domande che sono state fatte, si ascoltano le opinioni e le esperienze di tutti.
A questo punto, chiarite le idee, ai ragazzi può essere chiesto un secondo esercizio, incentrato sulle possibili soluzioni. Per esempio:

  • un racconto riflessivo (testuale o tramite video) sulle responsabiltà delle generazioni di oggi e del prossimo futuro, utilizzando un approccio pragmatico che include idee concrete in termini di sostenibilità attraverso il cibo;
  • una relazione in ppt con una proposta di soluzione sul tema (personale – “cosa posso fare per uno dei temi proposti?” – oppure ricercare esempi di realtà che si occupano del tema scelto, per esempio, onlus che si occupano della ridistribuzione del cibo o aziende che creano nuovi materiali a partire dagli scarti alimentari) e mandare una breve presentazione al docente, sottolineando il perché della scelta da un punto di vista critico;
  • un digital journal dove vengono inseriti progressivamente immagini e post (e.g., pensieri, emozioni, idee) riguardanti un tema (per esempio, un diario collettivo di tutte le azioni che gli studenti fanno per essere sostenibili dal punto di vista alimentare, come ricette contro lo spreco alimentare o idee per menu sostenibile).

Ulteriori spunti ed esercizi sono presenti all’interno di ciascuna monografia, suddivisi per fasce d’età.

VAI ALLA SEZIONE INSEGNANTI

Inoltre, le ricordiamo che sono sempre a sua disposizione i nostri strumenti digitali come il MOOC “Sistemi alimentari sostenibili: Una prospettiva mediterranea”: 10 video-lezioni interattive per un’analisi approfondita delle sfide e delle opportunità riguardanti il settore agroalimentare del Bacino Mediterraneo, o la Focus Unit, per insegnare il legame tra SDGs e il cibo.

VAI AL CORSO ONLINE INTERATTIVO 'MOOC'

VAI ALLA FOCUS UNIT          Guarda on-line