10 idee per salvare il Pianeta (prima che sparisca il cioccolato)

Vivere in maniera ecosostenibile eliminando non solo il superfluo ma ciò che è necessario per contrastare i cambiamenti climatici dovrebbe essere un obiettivo di tutti. Ognuno può cercare di compiere il primo passo magari partendo da ciò che gli è più congeniale. È possibile muoversi in modo davvero eco-friendly? Quali accorgimenti dovremmo adottare per avere una casa e un ufficio a minimo impatto ambientale? Come si può mangiare in modo sano, gustoso e sostenibile? E ancora, come si può essere un genitore “green”, in grado di operare scelte alternative a pannolini monouso e omogeneizzati?

A tutte queste domande cerca di rispondere il libro “10 Idee per Salvare il Pianeta (prima che sparisca il cioccolato)” scritto da Matteo Nardi e Letizia Palmisano, giornalisti ambientali impegnati da sempre nella diffusione della cultura della sostenibilità.

“Non c’è un secondo tempo, il momento per rimboccarsi le maniche è adesso, prima che sia troppo tardi e sparisca il cioccolato – dichiarano i due autori – il mondo ha bisogno di ognuno di noi perché anche nel piccolo della nostra quotidianità possiamo davvero fare la differenza. Vivere in modo più green è facile e si può iniziare da semplici piccoli passi: a guadagnarci saremo noi e il pianeta”.

Il saggio è strutturato in dieci parti che sono altrettanti aspetti della vita quotidiana: la casa, l’ufficio, la mobilità. Tra loro anche un capitolo dedicato a come ridurre l’impatto ambientale connesso al crescere un figlio (sin dalla nascita) e una sezione specializzata nei consigli per studenti e insegnanti.

“La scuola può tutto” diceva Simonetta Salacone e così apre il capitolo sulla scuola ecosostenibile, ovvero con la citazione dell’indimenticabile dirigente scolastica romana. Come rendere gli studenti degli esempi virtuosi di sostenibilità? Con i guardiani della luce, con l’impegno ad avere nella scuola una ecobiblioteca, ma anche grazie alla collaborazione delle amministrazioni pubbliche per mense sostenibili, sviluppo di pedibus e strutture scolastiche che vengano “promosse” nelle classi energetiche.

A chiudere il libro una bonus track in cui si ripercorrono le storie di chi ha già iniziato a re­alizzare quel cambiamento che vorremmo vedere nel mondo: esempi di buone pratiche individuali, aziendali e associative che incoraggiano ad armarsi (di buone intenzioni) e partire perché tutti, un passo alla volta, possono essere gli eroi di cui il mondo ha bisogno.

Condividi l'articolo

LEGGI ANCHE...