Riscoprire gli altri, per riscoprire se stessi

2020, un anno complesso nel quale dobbiamo mettere ancora più energie nello sviluppare nuovi linguaggi di positività, soprattutto per i più piccoli.

La quotidianità scolastica è cambiata: torneremo a giorni nei quali i saluti attraverso gesti di accoglienza saranno ancora  normali, ma ora occorre concentrarsi su nuovi modi di fare relazione, in classe come a casa, affinché bambini e ragazzi tornino, con l’entusiasmo che li caratterizza, a dare importanza ai valori dell’amicizia, della condivisione, dell’affettività.

Come è possibile educare alle relazioni positive in un tempo come questo?

E’ possibile attraverso il potere della cultura, l’amore per il sapere ed il piacere della leggerezza che, rubando le parole a Italo Calvino, non intendiamo come “superficialità”, ma come quel saper “planare sulle cose dall’alto”, senza “avere macigni sul cuore”.

Mai come oggi “imparare divertendosi” diventa, quindi, un imperativo, una necessità per riportare i bambini, che respirano le nostre tante tensioni, alla dimensione più naturale e sicura per loro, quella della creatività, della fantasia, del gioco, perché nella pratica ludica tutto risulta più decifrabile e comprensibile.

La farina del mio sacco, il percorso di sensibilizzazione disponibile sulla piattaforma EducazioneDigitale.it si colloca proprio in questo ambito, per far riscoprire ai più piccoli, mediante l’apparente semplicità della preparazione di una torta o dei biscotti in ambiente domestico, il piacere di un pensiero affettuoso; la soddisfazione di creare qualcosa per qualcun altro, vicino o lontano; il dolce gusto della ridefinizione degli equilibri relazionali; il tutto, nella consapevolezza che ciascuno possa essere padrone del suo tempo, capace, in pasticceria come nella vita, di trasformare semplici ingredienti in qualcosa di buono, anche quando parrebbe impossibile.

Ancora una volta, quindi, si sommano scuola, attività pratica ed esperienza ludica! Ecco che la didattica diviene strumento di crescita umana ed occasione di approfondimento curricolare con richiami ai concetti di matematica, scienze o chimica per far comprendere a docente e discente la bellezza di un piacevole apprendimento a 360 gradi.

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *