PCTO DIGITALE, TUTTA UN’ALTRA ALTERNANZA: EducazioneDigitale.it e la PCTO a distanza

La scuola riprende le sue attività dopo mesi di stop, adottando nuove soluzioni per la didattica, che si svolgerà sia in presenza sia a distanza, alternando diverse metodologie di lavoro. Altre attività invece, come ad esempio l’Alternanza, hanno subito un rallentamento, se non addirittura una sospensione momentanea, senza tuttavia prevedere soluzioni alternative per consentire ai ragazzi di svolgere un’esperienza così importante anche da remoto.
EducazioneDigitale.it, l’italianissima piattaforma di didattica multimediale, è riuscita a sviluppare una struttura di PCTO solida e guidata, che garantisce continuità alle attività coordinate da imprese e scuole, che agevola l’iter burocratico e l’iscrizione dei ragazzi, e che supporta i docenti con utility intuitive per seguire, passo dopo passo, i progressi degli studenti.

I PCTO a distanza di EducazioneDigitale.it si articolano in 2 momenti distinti: una fase di formazione, affidata a video lezioni tematiche guidate da tutor o esperti del settore aziendale, e una fase di attività pratica, guidata da un mandato operativo e da strumenti di lavoro già strutturati, che gli studenti possono utilizzare per lo svolgimento del project work.
Per iscrivere le classi ad un percorso di PCTO, i docenti dovranno solamente iscriversi, accedere alla modulistica già predisposta e registrare i ragazzi partecipanti: il sistema di gestione classi consente di ricevere automaticamente un numero di credenziali alfanumeriche pari al numero di studenti; tramite queste credenziali anonime, gli studenti potranno interagire con gli strumenti, nel totale rispetto dei GDPR.

Mentre i ragazzi, in completa autonomia, svolgono il percorso di alternanza, gli insegnanti potranno monitorarne i progressi, accedendo al pannello di controllo: qui potranno visualizzare i moduli svolti e i test superati, i project work caricati e i certificati conseguiti.
Parallelamente ai docenti, i tutor aziendali monitorano le attività degli studenti, soprattutto nella fase progettuale: sono infatti i referenti a esaminare i project work, a confrontarsi con gli studenti in caso di errori e a validare gli elaborati, certificando il completamento del percorso di alternanza digitale.

Sulla piattaforma sono disponibili diversi percorsi di Alternanza Digitale, che consentono di lavorare su competenze disparate e su attività differenti tra loro: “Youth Empowered”, proposto da Coca-Cola HBC, potenzia soft skills e competenze professionali; “Sportello Energia”, attivato da Leroy Merlin, forma gli studenti sui temi di risparmio energetico e corretto uso dell’energia; “Mentor Me”, proposto da Mitsubishi Electric, attiva competenze tecniche di climatizzazione, automatizzazione industriale e meccatronica.

Per scoprirli tutti, basta accedere alla pagina dedicata.

Attraverso l’Alternanza Digitale, gli studenti avranno la possibilità, anche a distanza, di fare un’esperienza di telelavoro guidata da un tutor, in un ambiente virtuale che ricrea ciò che accadrebbe in un contesto fisico aziendale, acquisendo soft skills e competenze in modo attivo e partecipato.

Condividi l'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *